moveDance workshop 2024

Dal 1 Luglio al 6 Luglio, presso ST Danza Centro Formazione di Simona Tocchini, si terrà un prestigioso stage di danza, dove i partecipanti avranno la possibilità di entrare in contatto con docenti di fama internazionale e vivere sei giorni indimenticabili.

Lo stage è indirizzato ad allievi di diversi livelli; principiante, intermedio, avanzato a partire dagli 8 anni. Le discipline inserite nello stage spaziano dal classico al contemporaneo, modern, laboratori coreografici e danza urbana.

MoveDance workshop è un percorso che pone attenzione sulla continuità della formazione, la
diversificazione dei livelli e i vari percorsi sono concepiti per potenziare sia la parte tecnica che stilistica di ogni disciplina attraverso la professionalità comunicativa di tutti i docenti.
ST Danza Centroformazione è una location spettacolare di 400 metri quadrati, con tre ampie sale luminose e una zona Loft dove gli allievi potranno rilassarsi tra una lezione e l’altra e un punto ristoro per colazione pranzi ed eventuali cene, il tutto dista a due passi dal mare e a 10 minuti e a due passi dal centro di Livorno. I partecipanti potranno usufruire di un’area parcheggio gratuita presso Porta a mare, a 50 metri da St Danza, zona in crescita sotto il profilo commerciale e offre una serie di servizi che possono agevolare tutti coloro che parteciperanno al workshop.

All’interno di ST Danza è presente un punto ristoro per colazione e pranzo, su richiesta è possibile prenotare la cena, in un ambiente confortevole e sicuro. Per quanto riguarda gli alloggi si consiglia di contattare direttamente la scuola per consigliarvi la soluzione migliore. Visto le richieste ed essendo alta stagione consigliamo , chi interessato, di contattarci quanto prima.

Molto interessante è la possibilità di alloggiare, con prezzo concordato, in un camping sul litorale Livornese in comodi bungalow con accesso gratuito alla piscina e al mare.
MoveDance workshop punta sulla professionalità in ogni dettaglio, un’immersione totale in una vacanza
studio da non perdere.

PERCHE’ SCEGLIERE MOVEDANCE WORKSHOP

Questo progetto prende forma grazie alla collaborazione che Simona Tocchini, direttrice artistica di ST Danza ha intrapreso, per l’organizzazione di tale evento, con il maestro e docente di danza classica Marco Ferrini.

Il programma del MoveDance Workshop è suddiviso in classi giornaliere per ogni disciplina e vari laboratori tenuti dai docenti i quali, con la loro esperienza, sia come danzatori professionisti che come insegnanti, trasmetteranno l’importanza dello studio della danza, del perfezionamento e della ricerca in tutte le sue forme.

GALA’ MOVEDANCE

I laboratori saranno finalizzati alla realizzazione di performances, che andranno in scena alla serata del “GALÀ
MOVEDANCE”, nella suggestiva location La Fortezza Nuova di Livorno, il 6 luglio alle ore 21. Una serata importante per
gli allievi dove confrontarsi, condividere e fare nuove esperienze. In quest’occasione, a discrezione dei docenti,
verranno consegnate delle borse di studio.
Quest’anno avremo il piacere di avere con noi un grande maestro, Vladimir Derevianko, etoile, direttore e coreografo
internazionale, che terrà classi di danza classica accademica, pas de deux e repertorio. Sempre per il classico ci
saranno il maestro Marco Ferrini e il maestro Guy De Bock, mentre per i più piccoli la maestra Paola Leste.
Per la sezione di contemporaneo sarà presente Simona Tocchini con tecniche di improvvisazione, mentre per i
laboratori coreografici Matteo Zamperin e Sabrina Massignani, direttrice di Venezia Balletto.
Nel percorso hip hop avremo con noi i giovani professionisti Daniele Nocchi e Fabrizio Bonanno.
Le richieste per questo evento sono numerose, non perdere l’opportunità di vivere un’esperienza di crescita con il
MoveDance Workshop!

GLI INSEGNANTI DEL MOVEDANCE WORKSHOP 2024

VLADIMIR DEREVIANKO

Vladimir Derevianko si forma come danzatore presso la Scuola del Bolshoi di Mosca. Nel 1977 entra a far parte della Compagnia del Teatro Bolshoi dove grazie alle sue straordinarie qualità, ben presto, ne diviene primo ballerino. Nel 1983 si trasferisce in Europa, dove fondamentali per la sua formazione d’artista sono state le collaborazioni artistiche con Y. Grigorovitch e V. Vassiliev al Bolshoi di Mosca, con Uwe Scholz e John Neumeier in occidente. Ha lavorato a Parigi con N. Beriozoff e Serge Golovine interpretando una parte del grande repertorio di Nijinsky, del quale si è dimostrato interprete ideale. In occasione dell’anniversario per i suoi 20 anni in scena, Glen Tetley gli ha dato la possibilità di interpretare il suo “Pierrot lunaire”, e nel 2003 in occasione dei suoi 25 anni di carriera, Uwe Scholz ha regalato a Derevianko la sua ultima creazione: “Winterreise” dai celebri lieders di Schubert. Ha ricevuto numerosi
premi prestigiosi tra cui: Benois de la Danse conferitogli da Y.Grigorovitch proprio sulla scena del Teatro Bolshoi di Mosca, in occasione del suo primo ritorno in Russia, come miglior danzatore dell’anno 1994 Premio Nijinsky datogli dall’Accademia di Kiev come miglior danzatore Europeo nel 2001 Premio Positano “Leonide Massine” ricevuto per ben due volte, nel 1983 come giovane stella e nel 2004 per la carriera di grande danzatore ed interprete e per la brillante Direzione Artistica del Balletto di Dresda.

GUY DE BOCK

Studia danza classica con lotje Hertogs e prosegue alla scuola del Balletto delle Fiandre ad Anversa (Belgio), alla scuola di Piotr Nardelli e Andzej Ziemski a Bruxelles (Belgio) e si perfeziona al “Centre International de Danse Rossella Hightower. Studia le tecniche di danza moderna, approfondisce lo studio della danza contemporanea e consegue la laurea in scienze motorie al “Rijksuniversteit Gent” in Belgio.
Entra a far parte del “Ballet de Wallonie” (Belgio), prosegue la carriera da solista in Germania, in Lussemburgo e in Italia entrando a far parte della compagnia “L’Ensemble” de Misha van Hoecke al teatro Comunale di Firenze. A Napoli è stato cofondatore e direttore artistico dell’ “Intercity Ballet” e dell’ “Accademia Nureyev” e ha organizzato numerose galà di danza. È stato direttore artistico e coreografo della compagnia ” A. Rendano” di Cosenza.
Nel 2008 e nel 2010 è al “Opérà de Paris” come assistente coreografo per Misha van Hoecke per la produzione dell’ opera lirica “La Fiancée Vendue. Fa parte di numerosi commissioni e jurie per esami e concorsi di danza nazionali e internazionali.

PAOLA LESTE

Studia presso A.N.D. (Accademia Nazionale Danza Classica). Prosegue la propria formazione
approfondendo con maestri nazionali e internazionali la tecnica classica e moderno contemporaneo. Ballerina professionista, lavora nelle varie ed importanti trasmissioni televisive come Buona Domenica 1991 con Lorella Cuccarini, Luna Park e altre trasmissioni con Heather Parisi, Campioni di ballo con coreografo Franco Miseria e Natalia Estrada, tanti varietà di Pippo Baudo, Paolo Bonolis, Campioni di Ballo, Cervelloni e Il Gatto e la Volpe. Collabora anche come assistente coreografa nella trasmissione Macao di Gianni Boncompagni.
Danza per il cinema partecipando al film di Scorsese “Gang of New York” e con regista Vanzina “Il cielo in una stanza”. Danza in teatro Operette con Gino Landi, spettacoli in tour teatrale con Antonella Steni, musical Tosca di Lucio Dalla, concerti con la grande voce di Amii Stewart. Danza nel concerto con Claudio Baglioni “Da me a te”. Anche coreografa nel musical “Uomo tra gli uomini” di Sabrina Moranti. Alla professione di danzatrice passa da più di 23 anni all’insegnamento e
formazione giovani talenti.

MARCO FERRINI

Studia danza classica accademica nella scuola di “balletto” di Liliana Cosi e Marinel Stefanescù e si diploma ballerino professionista, entrando a far parte della relativa compagnia, danzando come Primo ballerino in coppia con l’Étoile ” Liliana Così in Italia e all’estero. Ospite al “Balletto di Basilea” in Svizzera sotto la direzione di Youri Vamos, danzatore stabile al teatro di “Dortmund” in Germania, amplia le sue esperienze con diversi stili coreografici contemporanei e, successivamente, rientra in Italia a Reggio Emilia dove diventa “Maitre de ballet” della compagnia Cosi-Stefanescu.
Con il patrocinio della Comunità Europea, vola a Belgrado (Serbia) come Maestro Ospite al “Belgrade dance Foundation” e sempre in quest’anno sarà ospite come “Maitrè de ballet” alla “Fondazione Nazionale della danza” “Aterballetto” Reggio Emilia. Dal 2008 si dedica interamente all’insegnamento della danza classica accademica, moderna e contemporanea.
Membro di “WDA Europe in cooperazione sotto IDC-ITI/UNESCU”.

SIMONA TOCCHINI

Danzatrice e coreografa, nata a Livorno nel 1968, con formazione multidisciplinare, studia con Pino Testa, Annette Fritzgerald, Chelo Zoppi, Carlos Palacios, Marina Van Hoeche, Rosanna Brocanello, Virgilio Sieni e altri. Danzatrice per “Hot jazz dance” di Brocanello Rosanna, Firenze. Danzatrice/cantante Italian Musical Entertainment, Reggio Emilia, “Christmas” Musical Coreografie, Gianin Loringett. Danzatrice WTT Productions, Cannes Coreografie, Gianin Loringett.
Danzatrice Teatro Comunale Giuseppe Verdi, Trieste (Italia) “8 e 1/2” regia e coreografie, Gino Landi. Danzatrice Triangle Production, Milano (Italia) ” Buona domenica” canale 5 Coreografie, Marco Garofalo. Danzatrice, mimo C.E.L Teatro di Livorno, Livorno, Pisa, Lucca, Modena, Ravenna, Tournèe Opera lirica “Le Maschere” di Pietro Mascagni regia e coreografie Lindsay Kemp. Danzatrice Tounée Opera Lirica “Iris” di Pietro Mascagni Coreografie Virgilio Sieni, Regia Federico Tiezzi. Autrice, regista e coreografa “Frammenti di un’emozione scomposta” (Bottoni dell’olio, con il patrocinio del comune di Livorno, donne e abilità diverse). Coreografa e partecipa con il Coordinamento Danza Livorno all’ inaugurazione del progetto contemporaneo DA.TO ( Danza Toscana).
|Autrice, regista e coreografa di “Per pochi intimi forse”, “Interminabile”, “Excursus”, “Tema Natale”.
Oggi direttrice artistica e docente della scuola ST Danza – Centroformazione, centro per la ricerca del movimento dell’arte e del benessere dove segue la didattica e la progettazione, esprimendosi attraverso un linguaggio proprio consapevole e riconoscibile, acquisito attraverso conoscenze tecniche post moderno, contemporaneo, release e floorwork.

MATTEO ZAMPERIN

Unisce il lavoro d’insegnante e coreografo a quello di ballerino freelance, collaborando con diverse compagnie e affiancandosi, nei suoi progetti, a vari artisti provenienti da diversi settori.
Fortemente influenzato dal suo periodo di studi in Israele presso la “Kibbutz Contemporary Dance Company” e “Vertigo Dance Company”, si appassiona al loro stile e questo lo porta a dare vita ad una danza fisica, potente e dinamica, alla ricerca di una continua evoluzione.
Nel corso degli anni si specializza nella tecnica della Contact Improvisation ponendola alla base della sua danza per far emergere, oltre alla qualità tecnica e virtuosa, anche quella emotiva. Nelle sue creazioni il corpo dei danzatori, attraverso un movimento ricercato e alimentato da un’energia continua, è il veicolo per raccontare una storia.
Dal 2015 direttore artistico del progetto coreografico, “Keyhole Dance Project”, che con lo spettacolo “Keyhole”, nel 2016, lo porta a esibirsi a Riyad (Arabia Saudita), riconfermato poi nel 2018 a Riyad e Jeddah con lo spettacolo “Omnia Vincit Amor”. 2017 e 2018 è coreografo per “Internation Ballet” a Budapest, e lavora alla creazione di “Quis est Homo” e “Stones” per i ballerini dell’Opera.
Prende parte al progetto di “La sfera danza”, intitolato ”Lasciateci Sognare”, a Padova,Nello stesso anno è coreografo e ballerino per la compagnia “Don’t Ask Why” diretta da Avery-Jai Andrews a Dallas (Texas), dove inaugura la coreografia “Gestalt”. Nel 2019 coreografo per “Il Balletto di Siena” dove crea lo spettacolo “North”.
Con il suo progetto coreografico crea “Come le Rose”, pezzo presentato ai festival “Gate8” a Chiavari e “11Lune” a Peccioli e vincitore del premio “BanCo” alla vetrina coreografica di “Danza in Fiera” a Firenze. Nel 2020 coreografa “PianoUomo” per Padiglione Venezia “Aperture Straordinarie” presso la Biennale di Venezia.

SABRINA MASSIGNANI

Sabrina Massignani inizia giovanissima lo studio della danza classica a Venezia, mostrando da subito delle grandi doti e potenzialità sia fisiche che artistiche, nel corso degli anni ottiene numerose borse di studio che le permettono di raggiungere un’ottima preparazione tecnica, attraverso una formazione in campo internazionale: Centro Studi Danza di Rovigno (Croazia), Federation Nationale Interprofessionnelle de la Danse Garches (Francia), Broadway Dance Center (New York) e American Ballet Theatre (Stati Uniti).
Si perfeziona quindi con insegnanti di tecnica classica, moderna e contemporanea di fama internazionale tra cui Claude Bessy della Scuola dell’Opera di Parigi, Denise Jefferson della Scuola dell’Alvin Ailey di New York (tecnica Graham), Elisabetta Terabust, Bruno Vandelli, Fabrizio Monteverde, Mauro Bigonzetti, Steve La Chance, Andrè De La Roche, Carl Portal, Christopher Huggins e molti altri, arricchendo il suo bagaglio tecnico ed artistico.
Come ballerina partecipa a numerosi spettacoli, produzioni ed eventi tra i più importanti: nel 1999 alla Mostra del Cinema di Venezia coreografie di Gino Landi, nel 2000 è ospite nella Speelbound Dance Company di Mauro Astolfi nella produzione Libertango con orchestra dal vivo, nel 2002 presso il Gran Teatro La Fenice di Venezia balla in Thais di Jules Massenet coreografie di Georghe Iancu, nel 2003 ospite d’onore alla rassegna Internazionale Abano Danza direttore artistico Jhonny Kariono, e molte altre esperienze sia teatrali che televisive.
Sabrina Massignani inoltre affianca all’attività di coreografa quella di insegnante , attualmente è direttrice artistica del Centro di Formazione Professionale Venezia Balletto, fondato nel 1985 con il nome di Associazione Arte Danza, proponendosi da più di venticinque anni come una delle realtà formative coreutiche più longeve e maggiormente riconosciute dai diversi premi e menzioni ottenuti negli anni nel panorama regionale e nazionale. La Compagnia Venezia Balletto viene fondata nel1999 e comprende al suo interno ballerini provenienti dalla sua scuola e da altre realtà professionali. Nel 2000 alla produzione Elemento di Creazione partecipa Steve La Chance creando per la compagnia alcune coreografie, nel 2002 è l’anno di Sospesi nel Tempo al quale partecipa come ospite d’onore Alessandro Molin per il quale Sabrina ha l’onore di creare un assolo e un passo a due danzato da entrambi.
Nel 2006 realizza Zone d’Ombra spettacolo di gran successo premiato con lo Special Prix Choerbus al concorso internazionale Barcellona Awards. Sabrina realizza inoltre coreografie per altre compagnie italiane firmando produzioni coreografiche di alto spessore artistico ottenendo ottime recensioni dalla critica. Nella coreografia Sabrina Massignani vede una dimensione creativa straordinaria che le permette di esprimersi al meglio. La sua danza rigorosissima, è costruita su rinnovate forme classiche ed esuberanti geometrie, angolature e slanci, linee nettissime e vorticose sinuosità, lo stile non è conforme, né strettamente legato ai principi della danza classica o di quella moderna.
La coreografia per Sabrina Massignani si riconosce in una prospettiva globale fatta di forme e stili diversi per riscoprire le inesauribili potenzialità del corpo danzante puro. Le più prestigiose giurie internazionali tra cui: Robert Strainer, Alberto Testa, Margarita Smirnova, Roberto Fascilla, Fabrizio Monteverde e molti altri hanno riconosciuto il suo inesauribile talento coreografico premiandola con innumerevoli menzioni, riconoscimenti e primi premi La sua ricerca coreografica è instancabile, la sperimentazione un’esigenza, un bisogno naturale che muove il suo desiderio creativo, la fusione e la contaminazione tra i diversi stili un punto fermo nella sua visione della danza come un’arte omnicomprensiva.

DANIELE NOCCHI

Nel 2022 è ballerino in due eventi di caratura internazionale come l’EUROVISION TORINO 2022 e la cerimonia di apertura dei MONDIALI DI CALCIO 2022 IN QATAR.
Nel 2023 è stato balerrino per ” LA CAROVANA DEL GIRO D’ITALIA”, inoltre ha partecipato come ballerino anche al programma “RHYTHM AND FLOW” su NETEFLIX e sempre nel 2023 ad XFACTOR.

FABRIZIO BONANNO

Muove i primi passi lavorando con Giuliano Peparini per Claudio Baglioni: “In questa storia che è la mia” e per il programma televisivo “UÁ – Uomo di Varietà”.
Ballerino per Alessandra Amoroso al “TuttoAccadeASanSiro” e al “TuttoAccadeTour” oltre che ai Tim Summer Hits e Tim Music Awards e a Sanremo 2024 nella serata delle cover. Ha ballato per brand come D&G e Moncler e ha preso parte ad un mini Tour con LDA in un Tour teatrale “La Fabbrica Dei Sogni” di Sal Da Vinci. Fa la sua prima esperienza estera in Arabia per l’apertura della cerimonia dei “World Combat Games”.